“Non vedo l’ora che si risolva la questione del riacquisto. Tornare al Real Madrid è una possibilità reale, perché c’è un contratto ed è stato tutto già scritto”. A dirlo è Alvaro Morata ai microfoni dell’emittente radiofonica spagnola Cadena Cope. Il futuro dell’attaccante è nelle mani del presidente dei blancos Florentino Perez, disposto ad esercitare il diritto di riscatto sborsando almeno 30 milioni di euro per riportare Morata a Madrid, per poi magari rivenderlo alle ricche squadre della Premier League.

Se dovesse partire, Massimiliano Allegri e Beppe Marotta sono interessati al bomber Edinson Cavani, non sempre schierato titolare da Laurent Blanc nel Paris Saint Germain della stella indiscussa Zlatan Ibrahimovic. “La Juventus è un club di prestigio – ha dichiarato l’agente di Cavani – con una grande storia e un ottimo presente. Tornare in Italia non sarebbe un passo indietro per Edinson”. Oltre alla probabile partenza di Morata un altro campione potrebbe lasciare la società bianconera. Si tratta del numero 10 juventino Paul Pogba, corteggiato dai più forti club d’Europa. Ma sul suo eventuale trasferimento, l’amministratore delegato Marotta ha voluto tranquillizzare i tifosi: “Paul è un nostro giocatore, legato da un contratto lungo, lui ha manifestato l’intenzione di rimanere con noi, così come Morata. Ci sono tutti i presupposti perché possa continuare qui anche nei prossimi anni”.

Questa maglia va onorata fino in fondo – ha aggiunto Marotta – la sua permanenza qui credo sia un fatto non dico scontato, perché nel calcio non c’è nulla di scontato, ma altamente fattibile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentati Bruxelles, la minaccia sui campi di calcio: Belgio-Portogallo spostata. Blindata Italia-Spagna

prev
Articolo Successivo

Johan Cruijff, morto lo Spinoza del calcio. Dove tutto era e doveva essere gioia – Video

next