Il governo di unità nazionale libico, che non ha ancora ricevuto la fiducia dal parlamento di Tobruk, si sposterà a Tripoli “entro pochi giorni“. Lo ha annunciato dalla Tunisia il premier libico designato Fayez Al Serraj. Serraj, secondo quanto riporta Lybia Herald, ha riferito che è stato messo a punto un piano per la sicurezza con la polizia e alcune milizie nella capitale, senza specificare quali. Il governo attualmente insediato a Tripoli ha fatto sapere nei giorni scorsi che non cederà mai i propri poteri all’esecutivo Serraj, che è un governo “imposto dall’esterno che i libici non accetteranno mai”.

Poche ore dopo l’annuncio di Al Serraj, minacce sono arrivate anche da un gruppo vicino a Fajr Libya, la coalizione al potere a Tripoli: “Faremo una lunga guerra contro chiunque tenterà di far entrare il governo di unità nazionale a Tripoli”. Lo ha reso noto oggi il sito akherakhbaronline.com, aggiungendo che il gruppo – “i comandanti fondatori della cellula di crisi dei rivoluzionari della Libia” – ha promesso di annientare chiunque proverà a proteggere il Consiglio presidenziale del governo di intesa nazionale, definito un “gruppo di traditori“.

Anche i jihadisti dello Stato islamico hanno lanciato nuove minacce al governo di concordia nazionale: “La nostra guerra (contro il governo di Concordia, ndr) è la stessa guerra contro i governi che l’hanno preceduto”, ha riferito un miliziano dell’Isis in un video diffuso in rete da ‘Wilayat Barqa‘, ovvero la ‘provincia della Cirenaica’ dei seguaci in Libia dell’autoproclamato califfo Abu Bakr Al Baghdadi. “Questo governo apostata non vivrà in sicurezza, ma (il suo insediamento, ndr) sarà occasione per incendiare il terreno sotto i piedi degli apostati e i loro padroni”, ha minacciato il jihadista con il volto coperto. L’Isis minaccia “un nuovo Iraq” in Libia nel caso in cui ci fosse un “intervento dei crociati” per sostenere il governo di Serraj.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, Senato respinge la revoca della nazionalità per i francesi che compiono crimini legati al terrorismo

next
Articolo Successivo

Terrorismo, nuovo raid a Bruxelles: spari e granate. Salah Abdeslam arrestato con quattro complici

next