Cinque persone sono state assassinate e tre persone sono rimaste ferite nella sparatoria avvenuta nella notte del 9 marzo nella città di Wilkinsburg, nello stato americano della Pennsylvania. La polizia e le ambulanze sono giunte nella zona di Franklin Avenue, nella periferia della città a 13 km da Pittsburgh, dopo le 23: le autorità parlano di quattro donne e un uomo uccisi. Ancora in corso le indagini per ricostruire la dinamica del fatto e il movente. Secondo le autorità, le vittime stavano partecipando a una festa nel cortile di una casa e sono stati colpiti dai proiettili da due diverse angolazioni, con due armi da fuoco differenti. Secondo la polizia sono quindi almeno due i colpevoli del delitto, ma si sono dati subito alla fuga e dunque nessuno è stato al momento fermato.

“Gli invitati hanno tentato di correre nell’abitazione e a quel punto una persona sul lato o nel cortile adiacente ha sparato contro il portico sul retro”, ha ricostruito la polizia, secondo quanto riporta la stampa statunitense. Decine di proiettili sono state trovate a terra e un testimone ha detto all’emittente WPXI di aver sentito almeno 20 spari. Non si conoscono ancora i motivi dell’attacco. Quattro dei feriti sono morti sul posto, e la quinta persona è deceduta dopo il trasporto in ospedale. Due dei feriti sono in condizioni critiche, mentre una terza persona, una donna, è stabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, un “pentito” consegna a Sky News lista di 22mila presunti jihadisti. Due hanno hanno vissuto in Italia

next
Articolo Successivo

Libia, legale della famiglia Failla: “Autopsia libica è una stata macelleria”. Consulenti: “Ucciso da colpi a sterno e lombi”

next