“Le nostre consulenze, soprattutto quelle in merito al ritardo nei soccorsi, vanno in una direzione diametralmente opposta a quella del Pubblico ministero. Abbiamo chiesto al giudice se desidera disporre un’ulteriore perizia probatoria a riguardo”. Lo afferma Andrea Miroli, uno degli avvocati difensori della famiglia Ciontoli insieme a Pietro Messina, al termine della discussione dell’udienza preliminare per l’omicidio di Marco Vannini di oggi a Civitavecchia. “Le nostre perizie vanno in una duplice direzione – continua l’avvocato – la prima, è quella di accertare che i signori Ciontoli e della signora Viola Giorgini non potevano rendersi conto della gravità della situazione, e questo trova riscontro in acquisizioni testimoniali tra i tecnici e i sanitari che sono intervenuti. Poi, relativamente al ritardo nei soccorsi, si conclude che Marco non poteva arrivare in un pronto intervento attrezzato nei termini di tempo indicati dal Pubblico ministero”. In merito al tentativo di Antonio Ciontoli di non divulgare la notizia dello sparo al diffusori dei medici all’arrivo al Pit di Ladispoli (Roma), Miroli risponde: “Ciontoli ha detto subito al personale medico cosa era accaduto, ma ha chiesto di non farlo sapere e questo contribuisce, a nostro avviso, all’evidenza della sottovalutazione del fatto. La morte di Marco non è mai stata presa in considerazione da loro. Se lui avesse avuto certezza che Marco sarebbe morto, non avrebbe mai detto una corbelleria del genere”. Intanto, alla fine del dibattimento Antonio Ciontoli si allontana dal tribunale uscendo dalla porta posteriore, nel tentativo di fuggire a giornalisti e ai sostenitori della famiglia Vannini  riprese e montaggio di Mauro Episcopo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fumo passivo, Rai condannata in Cassazione: “Non bastano gli avvisi, divieto da far rispettare con sanzioni”

next
Articolo Successivo

Ilva, pm Milano chiedono fallimento Riva Fire: “Scatola vuota oberata dai debiti”

next