L’elefantino Amanzi è stato adottato da una mamma pecora e ora vivono insieme nel centro di recupero animali Hoedspruit Endangered Species in Sudafrica. Il baby elefentino è, infatti, rimasto orfano e, dopo essere stato vittima di bullismo da parte degli altri elefanti, è stato vittima di un incidente: è caduto in un pozzo di una miniera di rame. Salvato dai volontari del centro è stato affidato alle cure della pecora Lammie che, ora, il cucciolo segue ovunque

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Baltimora (Usa), veterinario consola la cagnolina Meesha mentre si sveglia dall’anestatesia

prev
Articolo Successivo

Hawaii, scoperto nei fondali il polpo fantasma Casper: nuova specie gelatinosa e senza pinne

next