L’omicidio stradale è legge. Ora però non bisogna mollare. Controlli sulle strade e campagne di prevenzione. Tenere alta l’attenzione sulla strage stradale significa anche e prima di tutto continuare a parlarne. Testimoniare la portata della strage, cosa accade da quel preciso momento in seno a una famiglia. Precisare i rischi, analizzare le cause, tenere alta l’attenzione sulla disattenzione. L’omicidio stradale risponde al “dopo”, ma c’è un “prima” per cui bisogna continuare a impegnarsi.

incidente stradale 675

Tante volte le associazioni e i famigliari di vittime hanno sottolineato che quella contro la strage stradale è una battaglia di civiltà. Caspita se lo è. Ed è una battaglia per la maturazione della consapevolezza della strage di questi anni, di cosa significa per chi resta, dei rischi che si corrono in strada – a piedi, in bicicletta, in moto, in macchina, sul sedile anteriore, su quello posteriore, che si guidi o no.

La cintura di sicurezza per chi sta dietro è obbligatoria dal 1989. È una battaglia che ha principalmente a che fare con il rispetto dell’altro, che si misura nelle reciproche libertà: dove inizia la mia e dove finisce; dove inizia la tua e dove finisce. Sulla strada si testa il nostro senso civico. L’introduzione del reato di omicidio stradale è uno scatto in avanti importante. La giustizia per le vittime e per i loro famigliari, è importante. Interpretare questo momento – che è certamente un traguardo raggiunto – come l’inizio di un percorso svolto, un percorso che continua, illumina ancora di più l’ambizione a fare di più e meglio, non solo nelle scuole. Non solo con gli studenti. Ma con gli adulti con cui si interfacciano e si interfacceranno. Per gli adulti che saranno. Perché una società adulta nutre e lavora per quell’ambizione.

Leggo la “soddisfazione delle associazioni Lorenzo Guarnieri, Asaps e Gabriele Borgogni”. L’immagine che accompagna le loro parole, alla voce “omicidio stradale”, dice: “Fatto!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, De Francisci procuratore generale. Dal pool di Falcone alla frontiera della mafia al nord

prev
Articolo Successivo

Penati, le motivazioni dell’assoluzione: “Sistema Sesto esisteva, ma contro di lui prove insufficienti”

next