Mentre l’opinione pubblica italiana, giustamente e doverosamente, esprime indignazione per l’omicidio di Giulio Regeni e chiede verità e giustizia, in Egitto prosegue senza soste la repressione nei confronti della libertà d’espressione.

L’ultimo a farne le spese è stato lo scrittore Ahmed Naji, condannato il 20 febbraio dal tribunale di Bulaq a due anni di carcere per “offesa alla morale pubblica”.

La vicenda era nata dalla denuncia di un uomo che si era sentito offeso da un estratto del libro Istikhdam al-Hayat (“Guida all’uso della vita”), in cui si parla di sesso e droga, pubblicato nel numero 1097 della rivista Akhbar al-Adab. Per questo, era finito in giudizio anche l’editore Tarek el-Taher.

egitto

Il processo di primo grado, un mese fa, nel quale erano intervenuti come testimoni della difesa i noti scrittori Mohamed Salmawy e Sonallah Ibrahim, era terminato con l’assoluzione di entrambi gli imputati. La pubblica accusa aveva fatto ricorso.

Così, in appello, l’uomo che si era sentito offeso ha avuto ragione: due anni di carcere per Naji e una multa di 10.000 sterline egiziane per el-Taher.

L’articolo 178 del codice penale, sulla cui violazione si è basata la sentenza di condanna, è formulato in modo così vago e generico da attribuire al giudice il massimo della discrezionalità e dell’interpretazione.

Il testo punisce con un massimo di due anni di carcere e una multa da 5000 a 10.000 sterline egiziane “chiunque realizzi o possegga a scopo di vendita, distribuzione, noleggio o esibizione materiale stampato, manoscritti, disegni, pubblicità, fotografie, bozze, simboli o altri oggetti o immagini in generale… contro la pubblica morale”.

L’articolo 67 della Costituzione egiziana tutela la libertà artistica e la creatività della letteratura. A quello si sono appellati i tanti scrittori egiziani per chiedere l’annullamento della condanna di Naji.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, Partito Popolare tra scandali e arresti. Malumori nel partito: “Corruzione ci uccide, ora Mariano Rajoy si dimetta”

next
Articolo Successivo

Bolivia, Evo Morales ko al referendum: il popolo dice no al suo quarto mandato

next