Ma tu
in quel momento
in cui
fui tanto minchione
e pazzo
e sciocco
da credere
di poter
fare a meno
di
te
tu
che tipo
di super potere
usasti
per
non mandarmi
a fare in culo
per l’eternità
tu
che caspita
di capacità
avesti
quando
mi riportasti
in vita
mentre
già
la mia anima
se ne sgattaiolava via
verso il buio tenebroso
e freddo
verso il baratro di ghiaccio
come mai facesti
a trattenermi
mentre capitombolavo
nella cretinaggine terminale
tu
dimmi
come diavolo
sei fatta
tu
ragazza
tristallegra
tu
che dormi a pancia in su
tu
che baci poco ma bene
che tipo d’incantesimo
hai usato
per riportarmi
qui
quando ormai
l’équipe medica
mi dava per spacciato
il capo chirurgo scuoteva la testa
e il coroner
era lì
a stilare
l’ora esatta
in cui
il mio muscolo
cardiaco
batteva
l’ultimo
bum?

Non c’è bisogno che rispondi
erano domande retoriche
volevo solo dire
che sei stata
un sacco brava.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Area archeologica Morgantina, scala di ferro per i turisti tra i resti antichi. “Uno scempio”

prev
Articolo Successivo

Giorno del ricordo, “nelle foibe migliaia di vittime. E almeno 200mila deportati. Ma gli italiani preferiscono dimenticare”

next