“E’ un atto di difesa contro i tradimenti di disonesti e infedeli, un deterrente del Movimento che evita di essere bastonato e cornuto ogni volta. E poi basta essere linciati: c’è qualcuno che vuole mettere in caciara ogni mossa dei 5 stelle, come quando si fa cagnara per isolare la volpe o il cinghiale durante la caccia”. Il premio Nobel Dario Fo difende a spada tratta il provvedimento deciso dal M5s nei confronti dei consiglieri dissidenti a Roma, che prevede una multa da 150mila euro per chi si mette contro la linea ufficiale del Movimento.

“Evidentemente è un atto di difesa – ha proseguito Fo – una specie di gioco di comando verso eventuali disonesti che si affacciano ai 5 Stelle per poter avere un veicolo sul quale montare e, al momento buono, andarsene via, tenendosi però tutto il denaro guadagnato ogni mese, per poi cambiare e vestire i panni di un altro partito o movimento che magari, invece, difende pure il diritto di tenersi in tasca quei soldi”.

La decisione del Movimento fondato da Casaleggio e Grillo ha scatenato la polemica politica. In particolare, il Pd ha chiesto di accelerare sul ddl che vuole riformare il sistema dei partiti e garantirne la democrazia interna. Ma Fo, al contrario, condivide la decisione di multare chi decide di cambiare casacca. “Parliamoci chiaro – ha aggiunto – negli ultimi tempi sono molti i personaggi in cerca di visibilità e che saltano da una parte all’altra. Infliggere una multa è un deterrente messo in campo che serve al Movimento per evitare di essere mazziato, bastonato e cornuto ogni volta”. Perché, secondo il premio Nobel, “ci sono troppe persone che giocano basso e sfruttano il Movimento finché gli fa comodo, firmando un contratto che gli mette in tasca dei quattrini, facendosi poi trainare da altri e andandosene nella cosiddetta ‘zona dei maiali'”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Plimalie’ a Milano, Tafazzi e i continui regali a Renzi

prev
Articolo Successivo

Quarto, sindaco Capuozzo (M5S) ritira le dimissioni: “Così difendo la mia città”

next