Picchiati, ingozzati di cibo a forza, insultati e chiusi nelle loro stanze senza la possibilità di uscire. Sono solo alcune delle violenze e delle umiliazioni scoperte dai carabinieri del Nas di Roma e da quelli di Frascati su 16 ragazzi con gravi disabilità ricoverati nel Centro di Riabilitazione neuropsichiatrico di Grottaferrata. Cinque di loro sono minori di 14 anni, alcuni di anni ne hanno solo 8. Tre erano stati addirittura segregati.

L’operazione degli investigatori dell’Arma ha portato all’arresto di dieci dipendenti: uno in carcere, gli altri 9 ai domiciliari. Le ordinanze sono state emesse dalla procura di Velletri. Le accuse a vario titolo sono di maltrattamenti e sequestro di persona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carnevale, sindaco di Soncino boccia la locandina di Renzi con parrucca e rossetto: “Rispetto istituzionale”

next
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Napolitano e Bonino tra i grandi dell’Italia di oggi”. Con loro sindaco di Lampedusa Giusy Nicolini

next