Grande è la confusione sotto il cielo, ma la situazione non è affatto eccellente. Anzi, sembra avvitarsi di settimana in settimana. Le proteste delle vittime del decreto Salva Banche proseguono (sabato 30 gennaio hanno manifestato in Piazza Santi Apostoli a Roma), ma il governo a due mesi da quel fatidico 22 novembre non solo continua a non dare risposte, ma non ha ancora nemmeno varato i decreti per stabilire i requisiti per i risarcimenti e per affidare la gestione degli arbitrati all’Authority anticorruzione. Decreti ritenuti urgenti dallo stesso governo a fronte dei circa mille casi già individuati di persone che in obbligazioni subordinate erano state indotte a investire buona parte dei loro risparmi e si trovano ora in condizioni di indigenza. Ci vorranno ancora settimane, forse più: da indiscrezioni sembra che Palazzo Chigi voglia formulare un apposito decreto legge anziché emanare i decreti ministeriali che permetterebbero di avviare subito il lungo iter degli arbitrati e dei rimborsi. In ogni caso le norme non sono ancora pronte dato che continuano a susseguirsi gli incontri di lavoro tra ministero dell’Economia, Anac e ministero della Giustizia.

In un contesto di sfiducia generalizzata verso il sistema bancario, i ritardi non aiutano. Oltre ai decreti sui rimborsi per i risparmiatori truffati, sono slittati anche l’approvazione della riforma delle banche di credito cooperativo e i decreti sulla garanzia statale sulle cartolarizzazioni dei non performing loans. Dopo aver sbandierato a parole un’intesa sulle sofferenze bancarie con Bruxelles, l’Italia sembra aver difficoltà a metterla nero su bianco mentre da giorni in Borsa i titoli bancari sono falcidiati dalle vendite alimentando ulteriormente i dubbi sulla tenuta del sistema.

Sulla questione banche il governo sembra un pugile alle corde, frastornato e incapace di reagire come dimostrano anche le ripetute prese di posizione a favore di una revisione del meccanismo del bail-in. Come si fa a essere presi sul serio quando si sostiene – come fa il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan – che le nuove norme “creano più instabilità del previsto” e che “occorre una fase transitoria che dovrebbe essere accompagnata da accorgimenti che mettano a disposizione strumenti per affrontare singoli problemi che possono colpire singoli istituti bancari”. Quale fase transitoria? Quali strumenti? Il bail-in è stato votato in sede europea anche dall’Italia e la normativa è stata recepita dal nostro ordinamento ed è entrata in vigore con il primo gennaio. Non sono previste alternative alla risoluzione delle banche in crisi, né tanto meno è prevista una fase transitoria: di che parla il ministro?

Qualche giorno fa era stato il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco a chiedere la revisione delle norme sul bail-in e da Bruxelles era arrivata pronta la risposta che “non ci sono piani per cambiare la Brrd”. Più che continuare a collezionare figuracce al tavolo europeo, il governo farebbe bene a occuparsi della tutela del risparmio, di come rendere più veloce l’iter di accertamento delle responsabilità a carico dei soggetti coinvolti nei dissesti delle banche (amministratori, dirigenti, sindaci, revisori, autorità di vigilanza) accelerando così i tempi dei risarcimenti a favore delle vittime. E, non meno importante, varare in fretta le norme che servono a velocizzare i tempi di recupero dei crediti, norme di cui si devono poter avvantaggiare tutti e non solo le banche che hanno crediti in sofferenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Poste, ex responsabile del servizio qualità verso licenziamento per l’imbroglio su tempi di consegna. “Sapeva tutto”

prev
Articolo Successivo

Banche, grande non è bello. Più che aggregazioni ora servono tecnologia, innovazione e etica

next