Ore 16. In Senato arriva il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan per rispondere alle interrogazioni a risposta immediata. I temi sono di stretta attualità: il sistema bancario, lo stato della finanza pubblica, il preoccupante andamento delle borse e le previsioni di crescita del Paese (che oggi la Commissione Europea ha rivisto al ribasso). Eppure in Aula, quando la seduta pomeridiana ha inizio, ci sono solo 17 senatori, diventati poi 18, per poi scendere rapidamente a soli 8 senatori, praticamente solo coloro che hanno presentato un’interrogazione. Del resto è già weekend per il Senato, visto che terminato il question time, il Senato riprenderà le attività martedì alle ore 12 per proseguire la discussione sulle Unioni civili

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, otto passaggi chiave per la ‘raccolta differenziata’ delle sofferenze bancarie

next
Articolo Successivo

Flessibilità, Travaglio: “Scontro Renzi-Ue? Serve solo a tirare su voti”. Bianchi (Ncd): “Smettano di chiedere austerity”

next