Non ci sono tracce di sparatoria presso il Naval Medical Center di San Diego, in California, stando a quanto riferito dalle forze dell’ordine locali. L’episodio era stato segnalato da un singolo testimone facendo scattare l’allarme. “Finora – ha spiegato il capitano Curt Jones – non abbiamo trovato assolutamente niente che indichi che siano stati sparati dei colpi” nell’ospedale militare.

La polizia, le unità speciali Swat e i vigili del fuoco militari hanno risposto alla segnalazione di una persona che avrebbe sentito degli spari all’interno della struttura, intorno alle 8 di mattina, ora locale. L’ospedale ha quindi avvisato via Facebook persone e militari nel centro di “correre, nascondersi o rispondere al fuoco”. Dalle ricerche, ha spiegato Jones, non ci sarebbero testimoni, né prove forensi che dimostrino ci sia stata una sparatoria.

“Tre colpi” esplosi nei sotterranei del Bob Wilson Naval Hospital , ha raccontato il testimone, e nell’area di Balboa Park è scattato l’allarme. “Pare che qualcuno abbia detto di aver sentito tre spari provenire dallo scantinato dell’edificio 26 – ha detto John Nylander, portavoce della Marina – questo è quello che è stato riportato ed abbiamo risposto in modo adeguato”. Il portavoce ha aggiunto che al momento non “vi sono notizie di feriti”.

Nel messaggio su Facebook in cui hanno lanciato l’allarme, le autorità dell’ospedale hanno parlato di un ‘active shooter‘, cioè di un uomo armato in azione. L’allarme, ed il lockdown, cioè la chiusura completa dell’edificio, è scattato anche “come precauzione” in tre scuole di San Diego che si trovano nei pressi della base militare. Ma poco dopo l’allarme nelle scuole è rientrato e il distretto scolastico ha reso noto che “studenti e staff sono tutti al sicuro“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Danimarca approva confisca di beni oltre i 1.350 euro ai richiedenti asilo. Onu: “Trattate i rifugiati con rispetto”

prev
Articolo Successivo

Bill Gates vende diritti d’autore di migliaia di foto alla Visual China Group: compresa quella di piazza Tienanmen

next