Una nuova ondata di arresti si abbatte sulla classe politica spagnola, e in particolare sul Partito Popolare del premier uscente Mariano Rajoy. Ventiquattro persone, molte delle quali membri o ex membri del PP, sono state arrestate in Spagna in diverse perquisizioni compiute dalla polizia nella regione di Valencia nell’ambito di un’indagine per corruzione. Si sospetta che avvenissero pagamenti illegali in cambio di contratti per appalti pubblici. La portavoce della Corte regionale fa sapere che risultano indagate 29 persone, fra cui ex sindaci e membri del governo regionale, nonché un ex capo del Partito Popolare di Valencia.

L’indignazione dell’opinione pubblica per i numerosi scandali di corruzione che hanno coinvolto la classe politica è stata uno degli elementi a portare, nelle ultime elezioni del 20 dicembre, al considerevole calo di voti dei tradizionali partiti di destra e sinistra, a vantaggio delle formazioni nuove, Podemos e Ciudadanos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parigi, tassisti in piazza contro Uber: 20 arresti. Manifestazioni anche in Italia

prev
Articolo Successivo

Virus Zika in Brasile, qualcosa non torna

next