Lo Stato Islamico ha rilasciato 270 delle 400 persone catturate nei giorni scorsi durante un’offensiva a Deir Ezzor, nell’Est della Siria. Lo riferisce l’ong Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus), secondo il quale gli ostaggi rimessi in libertà sono bambini, donne e gli uomini di oltre 55 anni. Secondo testimoni citati dall’Ondus, l’Isis sta facendo accertamenti sugli uomini trattenuti, e chiunque verrà sospettato di avere lavorato per le forze governative sarà processato da una Corte islamica. A questi si sommano i 50 uomini catturati ieri durante ieri un attacco ad Al Baguiliya.

L’Ondus ha affermato, inoltre, che sarebbero almeno 3mila le persone uccise nei raid aerei condotti dalla Russia a partire dal 30 settembre, giorno in cui Mosca ha iniziato i bombardamenti in Siria su richiesta del presidente Bashar Al Assad. Tra le vittime si contano oltre mille civili.

Sono invece 893 i jihadisti dello Stato Islamico uccisi nei raid russi. L’obiettivo dichiarato dei bombardamenti lanciati da Mosca è proprio l’Isis e altri gruppi jihadisti come il Fronte Al Nusra legato ad Al Qaeda, ma l’opposizione siriana accusa la Russia di voler colpire anche i ribelli moderati che combattono il regime di Assad, oltre ai civili. Tra i 1.015 civili uccisi, l’Osservatorio documenta 238 bambini di età inferiore ai 18 anni, 640 uomini e 137 donne. Gli attivisti riferiscono anche dell’uccisione di 1.141 membri di altre formazioni fondamentaliste, tra cui Al Nusra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jihad, ascolto il tuo cuore

prev
Articolo Successivo

Litvinenko, indagine Uk: “Ex agente Kgb ucciso probabilmente per ordine di Putin”. Cameron: “Omicidio di Stato”

next