Cinque anni di carcere per bancarotta fraudolenta. E’ la pena inflitta a Giuseppe Ciarrapico dal Tribunale di Roma per il crac della società Editoriale Ciociaria Oggi e la distrazione dei fondi pubblici. L’ottava Sezione penale del Tribunale di Roma presieduta da Marcello Liotta ha accolto la tesi del pubblico ministero, Francesco D’Olio, secondo cui l’ex senatore avrebbe utilizzato le casse dell’azienda con “l’intenzione di ingannare i soci e il pubblico” e per “conseguire un ingiusto profitto”.

Insieme all’ex braccio destro di Giulio Andreotti, i giudici hanno condannato anche un gruppo di suoi collaboratori nella amministrazione della Eco. In passato la Guardia di Finanza sequestrò beni e proprietà per un valore di 2,5 milioni di euro. Si tratta di denaro che stava per essere erogato alle attività del gruppo Ciarrapico.

Lo scorso aprile, l’ex presidente dell’A.S. Roma era stato condannato a tre anni di reclusione per avere truffato il Consiglio dei ministri. Secondo i giudici l’editore della Nuova Editoriale Oggi e della Editoriale Ciociaria Oggi aveva indebitamente conseguito fino al 2010 circa 20 milioni di euro in sovvenzioni pubbliche dal Dipartimento per l’editoria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione per appalti tv, arrestato dalla Finanza il manager David Biancifiori

prev
Articolo Successivo

Agon Channel, “truffe milionarie e enorme riciclaggio”: le accuse a Becchetti

next