Il calcio è lo sport più popolare del mondo e Cristiano Ronaldo e Messi sono due star planetarie? Non secondo Facebook, che ha stilato la classifica degli sportivi più citati nelle discussioni sul social network nel 2015. Il risultato: i due calciatori solo solo al 4° e al 5° posto, con il portoghese davanti all’argentino.

A vincere la classifica è invece Floyd Mayweather Jr., il pugile americano che a maggio ha sconfitto il filippino Manny Pacquiao in quello che è stato definito il match del secolo. E al secondo posto c’è proprio Pacquiao. Con 500 milioni di dollari, il loro incontro ha battuto tutti i record di introiti ed è stato l’evento più acquistato dalle tv a pagamento nella storia. Anche se, nonostante le attese, il match è stato molto deludente.

Sul gradino più basso del podio c’è invece una donna, Ronda Rousey, anche lei famosa per gli sport da combattimento. Dopo aver praticato ad altissimi livelli il judo, con anche una medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Pechino nel 2008, l’americana si è lanciata nell’MMA (arti marziali miste) dove è professionista dal 2011. Dopo 12 vittorie consecutive, il 14 novembre è stata sconfitta dalla connazionale Holly Holm. Fatale un calcio che le ha causato ferite al volto. Avrà bisogno di sei mesi per riprendersi e al momento, sostiene “di non essere in grado di mangiare una mela”. Ma la Rousey è diventata popolare anche per la sua carriera da attrice, visto che nel 2015 ha recitato in Fast & Furious 7.

Dopo i già citati Ronaldo e Messi, al sesto posto c’è Tom Brady, giocatore di football americano e compagno della modella Gisele Bundchen, anche lui prestato al cinema in Ted 2, in cui ha interpretato sé stesso. Chiudono la top ten i due giocatori di basket, Stephen CurryLeBron James, che si sono sfidati nelle finali Nba di quest’anno (dove hanno vinto i Golden State Warriors di Curry), la tennista Serena Williams e il calciatore Carlitos Tevez. Da notare l’assenza dalla classifica dei protagonisti del motomondialenonostante il burrascoso finale di stagione. Valentino Rossi, Marc Marquez e Jorge Lorenzo hanno fatto parlare tanto di sé. Ma non abbastanza su Facebook.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Mondiale pallavolo maschile 2018 in Italia e Bulgaria. Magri: “Costerà 20 milioni”

next
Articolo Successivo

Nba, Bargnani trascina Brooklyn e vincono anche i Kings di Belinelli. Chicago batte Clippers – Video

next