Si chiamerà Chiron il nuovo modello Bugatti che sarà svelato al Salone di Ginevra a marzo e che andrà a sostituire la Veyron, la cui costruzione è terminata dopo 450 esemplari venduti fra il 2005 e il 2015. Si pronuncia alla francese, “sciròn”, ed è un omaggio al pilota Louis Chiron che vinse con la Bugatti praticamente tutti i premi possibili negli anni 1920 e ’30 con le Type 35 e Type 51. Per ora del nuovo modello si sa soltanto che sarà “la più potente, veloce, lussuosa ed esclusiva super sportiva in produzione”, come dice la Casa fugando ogni dubbio sulla possibilità che l’erede della Veyron sia fra i progetti a cui il gruppo Volkswagen deve rinunciare per fare fronte alle spese dello scandalo dei diesel “truccati”.

La Veyron, secondo stime non ufficiali, è stata un vero bagno di sangue per l’azienda, se è vero ogni esemplare è costato in media 4,6 milioni di euro ed è stato venduto a 2,3 milioni. Secondo quanto dichiarato dal capo del marchio, Wolfgang Duerheimer, ad Automotive News Europe, la Chiron sarà equipaggiata con il mostruoso motore 16 cilindri turbo di 8.0 litri da 1200 CV e riprenderà stilisticamente alcuni elementi della concept Vision Gran Turismo mostrata a settembre al Salone di Francoforte. Il nuovo modello, ancora prima di essere stato svelato, avrebbe raccolto 100 ordini.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uber lancia una “linea U” per il Giubileo. Disegnata sulle richieste dei romani

next
Articolo Successivo

Star Wars, FCA lancia una campagna di spot in tutto il mondo – VIDEO

next