Laboratori Nazionali del Gran Sasso 640

Afferrare il carattere ‘probabilistico’ della nostra esportazione manifatturiera è cosa essenziale. Questo significa che eventuali nuovi accadimenti (per esempio le stampanti 3D) possono incidere pesantemente sulle future evoluzioni di questo settore. E a questo fine l’Italia necessita di leggi per una maggiore penetrazione dell’export, altrimenti potrebbero verificarsi fatti ancora più negativi.

Ma torniamo a ragionare del presente.
Credo che non ci sia lettore discorde: l’Italia è campione mondiale (esagerazione letteraria, ovviamente) del ‘terzismo’, della ‘subfornitura’. La manifattura italiana che esporta è, nella buona sostanza, fatta di prodotti costruiti su disegno e richieste da aziende estere. Niente a che fare con il nostro ‘estro’, la nostra ‘fantasia’, il nostro ‘made-in-Italy’.
Di più: la modesta disponibilità media di capitali delle nostre imprese (Pmi = capitali famigliari) determina, per ovvie ragioni, l’orientamento a fabbricare prodotti a breve ciclo produttivo, a modesto valore aggiunto. Per l’appunto, ‘semiprodotti’.

Ricordo l’esperienza che ebbi la possibilità di fare in Germania e in Svezia nella prima parte della mia carriera professionale.
Fu in quei Paesi che imparai la sigla Oem: Original Equipment Manufacturer. In parole brevi, produttore di prodotti rappresentabili a catalogo o a listino (oltre, beninteso, impianti macro – dighe, complessi, strade, ecc.ecc. che non prendo in considerazione data la tematica Pmi che stiamo trattando). Adotteremo tale sigla per i prossimi nostri incontri.
Oem è quel produttore che progetta, industrializza, assembla e vende la motocicletta: coloro che producono elementi compositivi per motociclette su disegno di un produttore Oem di motociclette sono ‘subfornitori’ o ‘terzisti’ (in inglese SSM – Sub Supply Manufacturer).
La ‘linea’ di strategia nazionale svedese (marketing strategico) punta con grande determinazione a conquistare businesses nella direzione degli Oem: si tratta di un vero e proprio ‘must’. E il ragionamento alla base di questo orientamento strategico è uno solo e trae origine da una consapevolezza molto chiara, attinente all’impostazione dell’economia manifatturiera svedese orientata al massimo profitto con il minimo impegno.
Se me lo consentite, è proprio la sconfitta lacerante del concetto di ‘esportazione stocastica, probabilistica’.

Dicono gli svedesi, in parole brevi e semplici: se tu produci una biella, una ruota, un freno (SSM) da realizzarsi su disegno del cliente (Oem) produttore di motociclette, il tuo destino è quello di ‘fare un’offerta’ sulla base della quale e dopo trattativa commerciale acquisire un ordine per realizzare quella biella, quella ruota, quel freno. Sarai posto a confronto con altre offerte, non solo. Il ‘buyer’ della ditta cliente Oem ti sottoporrà a saltuarie verifiche sia relative alla ‘qualità’ del prodotto che fornirai e, molto più spinosa, alla verifica delle condizioni commerciali di prezzo e di termine di pagamento, perché questo Oem appartiene alla schiera dei clienti meno fedeli e meno fidelizzabili esistenti, per sua esigenza economica e per dimensione di solito straripante rispetto a te, ’subfornitore’ SSM. Il suo potere contrattuale è normalmente molto più elevato del tuo.

Se tu, invece, produci la motocicletta (Oem), il quadro cambia radicalmente: avrai un numero limitato di ‘grandi clienti’ compratori di grandi quantità di motociclette e un numero altissimo di clienti che acquisteranno una sola motocicletta ciascuno. Nel primo caso dovrai sottoporre offerta e, anche se il confronto dei poteri contrattuali (quelli che determinano la forza o la debolezza del prezzo d’offerta) non è così scassato nei tuoi confronti come nel caso precedente, sarai sottoposto a confronto e a trattative che incideranno sul livello finale del prezzo per il quale assumerai l’ordine o lo perderai. Nell’altro caso non ti sarà richiesto di fare offerta alcuna: dovrai fissare un ‘prezzo’ per il tuo prodotto e dovrai attivare una campagna per effettuare la vendita che, in questo caso, ha come controparte un singolo individuo, il cosiddetto ‘end-user’ (utilizzatore finale’).

Di questi due ‘sbocchi di mercato’ (débouchets, alla francese) quello decisamente più importante è il secondo: quello che sfocia nell’ ‘end-user’. Con il quale il linguaggio e la tecnica di marketing/vendita cambiano in modo drastico, non vivono di offerte sottoposte a controllo periodico, e, udite udite, si possono avvalere di due strumenti potentissimi per realizzare buone e lucrose vendite: il ‘mercato-mondo’ e ‘gli strumenti pubblicitari’ (Promozioni, televisione, stampa, ecc.ecc.). Nel rapporto con il cosiddetto ‘end-user’, la vendita del prodotto avviene quasi sempre in modo prevalente da una scelta ‘emozionale’ non tecnica e non confrontabile tecnicamente. Come esempio valga la procedura d’acquisto di un’automobile: nessuno controlla di quale acciaio è fatto l’albero a gomito o la sede valvola del motore o di quale lega è fatto il pistone. Quando si acquista un’auto si acquistano prevalentemente due cose: la carrozzeria e l’immagine che il produttore, avvalendosi dei mezzi pubblicitari più ampi, è stato capace di realizzare in modo da stuzzicare il tuo interesse e la tua suggestione.

Gli svedesi sono obbligati a questa scelta perché sono pochi, è inutile scannarsi a fare prodotti in subfornitura. Inoltre hanno una tradizione culturale aziendalistica di lungo periodo e ben sviluppata sulle linee razionali delle tecniche di marketing (carenza fortissima nelle nostre PMI). Ma allo stesso modo ragionano i tedeschi, che sono invece dieci volte gli svedesi come popolazione: in questo caso la molla che li spinge in questa direzione è costituita dalla chiara consapevolezza che è proprio nel ‘prodotto finito’, quello che si può rappresentare con un listino prezzi, con un catalogo, quello degli Oem, che si annida il più corposo e duraturo ‘profitto primario’. E perché il ‘prodotto finito’ è facilmente rinnovabile, migliorabile, in un processo di difesa competitiva più facile rispetto ad un prodotto da ‘subfornitura’.

Come potete vedere, l’argomento è serio, concreto e importantissimo e dobbiamo approfondirlo. Si dice che ‘il diavolo fa le pentole ma non i coperchi’. Beh, almeno nel caso ‘manifatturiero Italia’ non è vero, ha fatto anche i coperchi: e che coperchi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, il costo delle ‘litigation’ salirà ancora?

next
Articolo Successivo

Project financing, questo sconosciuto. Note a margine di un convegno del Mef

next