Non è Bompiani a uscire da Mondazzoli. Bensì Elisabetta Sgarbi, anima del marchio di Rcs Libri acquisito da Mondadori, che lascia la casa editrice per lanciarne una nuova. Battezzata La nave di Teseo, da un passo delle Vite Parallele di Plutarco (“Fino ai tempi di Demetrio Falereo gli Ateniesi conservavano la nave su cui Teseo partì insieme coi giovani ostaggi, e poi ritornò salvo, una trireme”). E tra i soci della nuova società editoriale, che inizierà le pubblicazioni nel maggio 2016, ci sono Umberto Eco – tra i primi a lanciare un appello contro l’acquisizione dei libri Rizzoli da parte di Cologno Monzese -, Sandro Veronesi, Furio Colombo Edoardo Nesi. Più un gruppo di imprenditori tra cui Guido Maria Brera e gli editori Jean Claude e Nicky Fasquelle.

Tra i primi autori che hanno aderito all’iniziativa ci sono Tahar Ben Jelloun, Michael Cunningham e Hanif Kureishi. Tra gli italiani Pietrangelo Buttafuoco, Mauro Covacich, Nuccio Ordine, Lidia Ravera e Vittorio Sgarbi, fratello di Elisabetta. La Sgarbi sarà direttore generale ed editoriale della società, che si avvarrà dei servizi commerciali e promozionali di Pde (gruppo Feltrinelli) e della distribuzione del Gruppo Messaggerie.

Dopo Roberto Calasso che si è ricomprato la sua Adelphi di cui ora è proprietario al 71%, arriva un’altra scossa all’operazione Mondazzoli. Il mese scorso erano arrivate rassicurazioni sul mantenimento dell’identità dei marchi: nei giorni della Buchmesse di Francoforte Enrico Selva Coddè, amministratore delegato area Trade di Mondadori Libri, aveva sottolineato: “Nella nostra tradizione centenaria c’è la prova del rispetto che si è sempre avuto per gli autori e per le identità delle singole case editrici”. Ma molti scrittori, editori e agenti editoriali da tempo si stavano confrontando con il fatto che comunque nulla sarebbe stato più come prima. E ora cominciano ad arrivare le conferme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terapia di coppia per amanti, il nuovo libro di Diego De Silva: “Perché una coppia non ufficializzata non dovrebbe andare dall’analista?”

next
Articolo Successivo

Cosenza, Premio Sila ’49: Stefano Rodotà e l’era dello smartphone

next