“Già nel 2008 avevo dei sospetti, poi nel 2011 ho avuto la certezza del doping del gruppo guidato dall’allenatore Victor Chegin, per loro stessa ammissione”. Alex Schwazer, parla dello scandalo che ha coinvolto il mondo dell’atletica russo e confessa la sua collaborazione alle indagini della Rusada (Agenzia antidoping russa).

Il campione olimpico italiano, squalificato per la positività all’Epo prima dei Giochi di Londra 2012, racconta della “richiesta di collaborazione” inviatagli dall’Agenzia e dell’invito “a rispondere ad una serie di domande che riguardavano i contenuti di un colloquio che avevo avuto con i marciatori della squadra nazionale russa“.

L’atleta ha raccontato di aver risposto “con tutta la completezza possibile” agli interrogativi, “indicando, quindi, i nomi degli atleti che avevano parlato con me e le ammissioni di doping che mi avevano dettagliatamente esternato”.

La conferma dell’utilizzo da parte dei marciatori di sostanze dopanti, arriva nel 2011, ai Campionati Mondiali di Daeku durante i quali Schwazer ha raccontato di aver avuto “la certezza del doping del gruppo guidato dall’allenatore Victor Chegin, per loro stessa ammissione”.

I presentimenti dell’atleta erano però iniziati nel 2008, quando “dopo la mia vittoria olimpica, in alcune interviste avevo fatto riferimento ai sospetti di doping che avevo maturato nei confronti di alcuni miei avversari russi”. sospetti che, il report della Wanda, conferma “completamente e tristemente“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Doping di Stato, il Cio: “Pronti a ritirare le medaglie”. Si dimette il direttore del laboratorio

prev
Articolo Successivo

Scandalo Russia: ombre e dubbi su Sebastian Coe, baronetto della “lotta senza quartiere al doping”

next