Dal 2008 a oggi “nella disastrosa vicenda Mps sono stati dilapidati, dispersi o comunque sottratti al pubblico risparmio italiano oltre 100 miliardi di euro“. A sostenerlo, in audizione davanti alla commissione di inchiesta del Consiglio regionale toscano sulla vicenda Monte dei Paschi di Siena, è stato Paolo Emilio Falaschi, azionista Mps e avvocato che ha presentato la costituzione di parte civile per molti piccoli risparmiatori nel processo sulla ristrutturazione del derivato Alexandria in corso a Milano. “Se c’è qualcuno che continua a credere, o vuole sostenere, che la responsabilità di questo disastro è soltanto di Mussari e Vigni (rispettivamente ex presidente ed ex direttore generale dell’istituto, ndr) e non anche della vigilanza intera, nel senso più ampio della legge e delle regole, faccia un passo avanti. Così tutti gli investitori in azioni Mps, che hanno perduto quasi tutto il loro capitale investito, potranno indicare chi cerca di prenderli in giro, insieme a tutto il resto d’Italia”.

“E’ una cosa quasi incredibile – ha aggiunto Falaschi – che la magistratura non abbia ancora messo sotto processo gli organi, e le persone fisiche, della vigilanza intesa in senso ampio, i quali continuano essere al loro posto o promossi ad altri incarichi di prestigio”. “Ho presentato specifiche denunce documentate – ha concluso – a Roma e Milano, e nessuno mi fermerà, a difesa e tutela della comunità senese e di tutti gli investitori privati italiani e del loro grande patrimonio disperso. Sia chiaro che non mi arrenderò o suiciderò mai”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stabilità, Zanetti: “Regioni in disavanzo sanitario potranno aumentare le tasse”

prev
Articolo Successivo

Fisco, Ocse: “Le multinazionali evadono ogni anno tra 100 e 240 miliardi”

next