Luca Mazzà, vicedirettore di Rai3, lascia l’incarico di responsabile di Ballarò. Alla base di questa decisione l’atteggiamento critico del talk show di Massimo Giannini nei confronti del lavoro di Matteo Renzi, ma anche dissapori sulla gestione del programma. A sostituire Mazzà sarà Giovanni Anversa, che a sua volta gli lascerà la supervisione del talk mattutino Agorà.

I motivi di questa scelta, riportati da Prima Comunicazione, potrebbero dar vita a un nuovo “caso” per la terza rete della Rai, già al centro delle polemiche dopo la presa di posizione dell’onorevole dem Michele Anzaldi in commissione di Vigilanza – “Tg3 e Rai 3 sono un problema, non seguono il partito – e l’attacco sferrato dal governatore campano Vincenzo De Luca – “Da Rai 3 giornalismo camorristico“-.

Mazzà è un ex giornalista del Tg3, poi inviato a Rai Parlamento. In passato è stato responsabile della redazione economica del Tg3, oltre ad averne condotto le edizioni del primo pomeriggio e quelle notturne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le Figaro scrive: “Per Hollande una bella guardia del corpo”. Giornale costretto a scusarsi per sessismo

next
Articolo Successivo

‘Marano ragazzi Spot Festival’: l’educazione alla legalità fa crescere sani e forti

next