In questi ultime settimane tutti i quotidiani hanno rilanciato la brusca frenata degli e-book negli Stati Uniti, ma in Italia le cose vanno diversamente.

Nel nostro Paese gli e-book continuano a conquistare lettori, la crescita è stata confermata dal Rapporto sullo stato dell’editoria in Italia dell’Aie-Associazione Italiana Editori. I numeri, annunciati alla Fiera del libro di Francoforte, sono molti chiari: a fronte di una riduzione, seppur più contenuta rispetto al 2014, del settore nel suo complesso c’è un incremento sul fronte digitale. L’e-book, infatti registra una crescita del 26,7% di titoli e raggiunge i 40,5 milioni di euro per fatturato.

Purtroppo questa dinamicità non riesce a compensare la carenza di lettori del Bel Paese, che sempre secondo le stime dell’Aie, risulta essere all’ultimo posto in Europa. Guardando la tabella non si può fare a meno di provare molta tristezza: ben il 58,6% degli intervistati dichiara di non leggere nemmeno un libro nell’arco dell’anno.

non lettura

Non lettura per titolo studio e occupazioneA me non importa che sia cartaceo o digitale, quello che mi colpisce è che queste persone non sentano il desiderio di immergersi nella lettura, nemmeno quando sono in vacanza ed hanno più tempo a disposizione.

Ma torniamo ai miei amati e-book e in particolare a un segmento che sta movimentando il mercato dell’editoria in Italia e all’estero. Sto parlando dei self-publisher, ovvero gli autori autopubblicati. Da più parti si leggono commenti molto negativi circa il valore delle loro opere, ma vi assicuro che vi sono autori di tutto rispetto e che non hanno nulla da invidiare a quelli più blasonati.

Se per molti l’autopubblicazione è un ripiego in quanto non hanno trovato una casa editrice, per molti altri è una scelta della quale vanno fieri, per altri ancora è un mix in quanto sono già stati pubblicati da case editrici e poi hanno deciso di percorrere la strada del self-publishing.

In questi giorni, grazie al lavoro di Cetta De Luca e di altri pionieri, è nato anche in Italia il Manifesto degli autori indie, un termine anglosassone che significa indipendenti. Una dichiarazione di intenti che ripercorre quanto già affermato e sostenuto dalla scrittrice inglese Orna Ross di cui vi avevo parlato nel mio precedente post.

A questi primi firmatari se ne stanno già aggiungendo altri e io spero che diventino tanti perché ritengo che mettersi in gioco per affermare la propria indipendenza e migliorare il proprio lavoro sia importante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘La scelta. Giorgio Ambrosoli’, l’avvocato milanese ucciso su ordine di Sindona protagonista di una graphic novel a tinte forti

prev
Articolo Successivo

Premio Nobel Letteratura 2015, come si ‘usa’?

next