Un’altra multa dell’Antitrust per gli operatori telefonici. L’autorità garante della concorrenza e del mercato ha sanzionato per 1,7 milioni complessivi Telecom (583mila euro), Wind (350mila), Vodafone (400mila) e H3G (400mila) perché non hanno ottemperato ai provvedimenti del 13 gennaio scorso e hanno continuato a “non acquisire un consenso pienamente consapevole” del consumatore per l’acquisto dei servizi premium durante la navigazione su Internet dai telefoni cellulari. Le quattro società consentono infatti di attivare i servizi con un solo click, un sistema che secondo l’authority non tutela abbastanza gli utenti.

Telecom, Wind e Vodafone non si sono mosse per consentire al consumatore di “scegliere con piena consapevolezza” mentre H3G, scrive l’Antitrust, ha provveduto dall’1 ottobre a implementare un modello di acquisizione del consenso del consumatore basato su una doppia digitazione, all’interno di una landing page sotto il suo controllo diretto in modo da prevenire il fenomeno delle attivazioni di servizi premium non richieste. Ma è stata multata comunque perché si era impegnata a farlo prima.

Il Codacons ha commentato facendo notare che “la multa decisa oggi dall’Antitrust non scalfirà minimamente le casse delle compagnia telefoniche: dai servizi Premium attivati loro malgrado dagli utenti, infatti, ciascun gestore incassa milioni e milioni di euro ogni anno, un business così elevato da rendere irrisori i complessivi 1,7 milioni di euro di multa inflitti dall’Autorità”.

 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge di Stabilità, se rientro capitali fa flop saliranno accise su alcol e tabacco

next
Articolo Successivo

Legge di Stabilità, canone Rai in bolletta e multe fino a 500 euro per chi non paga

next