“Siamo realisti: non credo che ora saremo in grado di guidare un governo nel nostro paese. Quello che dobbiamo fare è lavorare ancora più duramente”. L’ammissione arriva direttamente da Caterina Bescansa, numero tre Podemos, secondo cui al momento il partito non è “in condizioni” di vincere le elezioni politiche del prossimo 20 dicembre in Spagna. La responsabile del settore “Analisi e programma”, ha poi chiarito che il suo partito punta a governare ma ha detto che non esistono le condizioni per farlo adesso.

Le parole di Bescansa arrivano dopo che Podemos, indicato da alcuni sondaggi a gennaio come secondo o addirittura primo partito del paese, è alle prese con un calo di consensi. Secondo un sondaggio interno diffuso ieri, la formazione si trova più o meno alla pari con i socialisti e il nuovo partito catalano Ciudadanos, fra il 19 e il 21%. Mentre il partito popolare del primo ministro conservatore Mariano Rajoy è indicato fra il 27 e il 29%. Intanto il leader Pablo Iglesias,ha inviato un messaggio a Rajoy, il leader socialista Pedro Sanchez e quello di Ciudadanos, Albert Rivera, per organizzare un dibattito a quattro in televisione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, in Croazia il cammino è un affare ungherese

prev
Articolo Successivo

Isis, Stato Islamico conferma l’uccisione del numero due di Al Baghdadi

next