Mi piace molto
il sabato mattina
andare in giro assieme
passeggiando
e far piccole compere
canticchiando canzoni di Battisti
sbagliando
le parole
con lei che dice
ma no, non fa così!

Ma io continuo
ed al “che ne sai tu
di un campo di grano
poesia dell’amore
di un nano”
lei mi ferma
mi stoppa
con un bacio
lungo
all’angolo
tra via Paolo Sacchi
e corso Vittorio Emanuele II.

E dopo poi
ci salutiamo via veloci
deve andare, dice
dice, mi piaci un sacco proprio
e me ne torno casa
bello leggero, un po’ felice.

Una cosa che mi piace
di lei
– non ve lo nego –
è che dice spesso
le cose
che spero dica
nel momento esatto in cui
sarebbe bello
le dicesse.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Pillole blu’ di Frederik Peeters, a contatto con la Malattia come davanti a un rinoceronte albino

prev
Articolo Successivo

‘Il sacrificio di Eva Izsak’, un anno dopo

next