Mi piace molto
il sabato mattina
andare in giro assieme
passeggiando
e far piccole compere
canticchiando canzoni di Battisti
sbagliando
le parole
con lei che dice
ma no, non fa così!

Ma io continuo
ed al “che ne sai tu
di un campo di grano
poesia dell’amore
di un nano”
lei mi ferma
mi stoppa
con un bacio
lungo
all’angolo
tra via Paolo Sacchi
e corso Vittorio Emanuele II.

E dopo poi
ci salutiamo via veloci
deve andare, dice
dice, mi piaci un sacco proprio
e me ne torno casa
bello leggero, un po’ felice.

Una cosa che mi piace
di lei
– non ve lo nego –
è che dice spesso
le cose
che spero dica
nel momento esatto in cui
sarebbe bello
le dicesse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Pillole blu’ di Frederik Peeters, a contatto con la Malattia come davanti a un rinoceronte albino

next
Articolo Successivo

‘Il sacrificio di Eva Izsak’, un anno dopo

next