La “Renzieide” è la parodia della famosa “Badoglieide”, testo composto fra il 25 e il 26 aprile del 1944 (sull’aria della canzonetta “E non vedi che sono toscano?”) dai partigiani di “Giustizia e Libertà” Livio Bianco, Nuto Revelli e Nino Monaco.

La canzone (antimonarchica e antibadogliana) fu poi ripresa, con testo ovviamente modificato, dai militari della Ris.

A me è venuto in mente di modificarla ulteriormente, data la forte connotazione “personalistica” che la contraddistingue già al momento della sua nascita. E chi meglio di Renzi poteva incarnare un “personaggio” ufficiale, autoreferenziale e malato di protagonismo?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rihanna (nuda) si racconta su Vanity Fair – FOTO

prev
Articolo Successivo

Lawrence English, il tour (de force) di un sound artist

next