C’era da aspettarsi che i concorrenti approfittassero del momento di debolezza (se non altro d’immagine) del gruppo Volkswagen in seguito allo scandalo dei motori turbodiesel con centraline “trucca emissioni”. FCA ha messo in piedi una promozione ad hoc per tutti coloro che in Italia vogliono rottamare o dare in permuta il loro usato del gruppo Volkswagen – quindi anche a marchio Skoda, Seat e Audi – per un’auto nuova Fiat, Lancia, Abarth, Alfa Romeo o Jeep. Ne dà notizia Carblogger.it, informato direttamente da alcuni concessionari: l’offerta non si trova sul sito ufficiale della Casa ma fa parte della tante promozioni commerciali (cui peraltro lo “sconto VW” si somma) comunicate tramite circolare interna.

Chi passa dal “fronte” tedesco a quello italo-americano ha diritto a un incentivo variabile in base al modello che acquista: va dai 500 euro cui ha diritto chi compra Fiat Panda, 500 e Punto ai 1.500 euro riservati a chi vuole una Jeep Grand Cherokee (qui i dettagli dell’iniziativa). La supervalutazione dell’usato è valida indipendentemente dal tipo di alimentazione (diesel o benzina) e dall’anno di immatricolazione: è sufficiente che l’auto da permutare sia del gruppo di Wolfsburg e che l’ordine sia effettuato fra il 2 e il 31 ottobre.

Le due aziende si contendono le fette più importanti del mercato italiano: nei primi 9 mesi dell’anno, FCA aveva una quota di mercato del 28,48%, VW Group del 13,1%.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Certificato di proprietà, dal 5 ottobre 2015 diventa digitale. L’Aci non si arrende

prev
Articolo Successivo

Volkswagen, come verificare se il proprio diesel TDI è interessato dal “richiamo”

next