Nel 2014 la pressione fiscale si è attestata al 43,6% del Pil, 0,2 punti percentuali in più rispetto al 43,4% stimato a marzo. A renderlo noto è stato l’Istat nella revisione dei conti economici 2012-2014 diffusa oggi. Secondo l’istituto nazionale di statistica, lo scorso anno si è verificato “un rialzo di 364 milioni” delle uscite e di “328 milioni” delle entrate.

L’istituto ha poi confermato che il prodotto interno lordo lo scorso anno è diminuito dello 0,4% per effetto di un calo del 3,5% degli investimenti fissi lordi, di un aumento dello 0,1% dei consumi finali, di un aumento del 3,1% delle esportazioni di beni e servizi e del 2,9% delle importazioni. Il rapporto deficit/pil italiano si è attestato al 3%, valore invariato rispetto alla stima precedente, mentre il saldo primario, ovvero l’indebitamento netto meno la spesa per gli interessi, è positivo e pari all’1,6% del pil.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poste Italiane, ad Caio indagato per violazione delle leggi sulla sicurezza sul lavoro

next
Articolo Successivo

Sanità, dl sugli esami “non necessari”, è scontro. Medici in rivolta: “Pronti allo sciopero”

next