Dalla Lanterna alla Madonnina. Il Suq delle Culture porta nel centro di Milano il concept della kermesse genovese che da 17 anni registra un grande successo di pubblico. L’obiettivo è sempre quello: promuovere l’attivismo dei giovani e dei nuovi italiani attraverso il confronto e la partecipazione come base della convivenza civile. Contro tutti i pregiudizi: razziali e non.

Anche il format è simile a quello della manifestazione di Genova con tanti eventi e altrettanti momenti di confronto: dagli spettacoli, ai dibattiti, fino ai workshop. Ma soprattutto un gran bazar, una mostra-mercato dove acquistare prodotti e assaggiare sapori di tante parti del Mondo.

La direzione artistica è affidata a Modou Gueye presidente di Sunugal e Carla Peirolero, ideatrice e direttrice del Suq Festival di Genova. 

Insieme a loro, saranno tanti altri gli ospiti che animeranno la settimana: Moni Ovadia, Baba Sissoko l’artista maliano maestro indiscusso del Tamani; l’Orchestra di Via Padova con il progetto Allayali, la DJ turco-tedesca Ipek, Manuel Ferreira della Compagnia Alma Rosé, i Tazenda uno dei primi gruppi di rock etnico italiani, la Paranza del geco con i ritmi dell’Afrotaranta.

In chiusura Lella Costa e Don Colmegna della Casa della Carità in una serata dedicata al “prete di strada” Don Andrea Gallo curata insieme a la Comunità di Don Gallo e Il Fatto Quotidiano con la presenza del presidente di Editoriale il Fatto Antonio Padellaro e dell’amministratore delegato Cinzia Monteverdi.

Appuntamento dal 27 settembre al 4 ottobre alla Fabbrica Del Vapore, via Procaccini 4 Milano.

Qui il programma completo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Budapest – A photo

prev
Articolo Successivo

Muro e il Fatto Quotidiano: inviateci le foto dei murales che hanno salvato le vostre città dalla bruttezza

next