Il gruppo dell’informatica Hewlett Packard è pronto a licenziare tra le 25mila e le 30mila persone in vista dello scorporo dell’azienda in due società differenti. L’annuncio è stato dato ufficialmente dall’amministratore delegato Meg Whitman, che ha spiegato come dagli esuberi siano attesi risparmi per circa 2,7 miliardi di dollari che compenseranno gli oneri da sostenere per la ristrutturazione del gruppo.
Il taglio ridurrà del 10% la forza lavoro complessiva del gruppo, che oggi ha 300mila dipendenti, ma si concentrerà solo sui dipendenti della nuova Hewlett Packard Enterprise, la società che si occuperà dei server e dei servizi. L’altra, Hp Inc, sarà focalizzata su stampanti e computer e, al momento, è esclusa dai tagli. Gli esuberi si vanno ad aggiungere a quelli del 2012, quando l’azienda licenziò oltre 50mila persone. La separazione è prevista per novembre. Il gruppo non ha reso noto quando avverranno i licenziamenti.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ocse rivede all’insù Pil dell’Italia nel 2015, ma solo a +0,7%. Giù stime per il 2016

prev
Articolo Successivo

Nivea, Tribunale di Milano annulla marchio concorrente Neve: “Confonde consumatori”

next