Il gruppo dell’informatica Hewlett Packard è pronto a licenziare tra le 25mila e le 30mila persone in vista dello scorporo dell’azienda in due società differenti. L’annuncio è stato dato ufficialmente dall’amministratore delegato Meg Whitman, che ha spiegato come dagli esuberi siano attesi risparmi per circa 2,7 miliardi di dollari che compenseranno gli oneri da sostenere per la ristrutturazione del gruppo.
Il taglio ridurrà del 10% la forza lavoro complessiva del gruppo, che oggi ha 300mila dipendenti, ma si concentrerà solo sui dipendenti della nuova Hewlett Packard Enterprise, la società che si occuperà dei server e dei servizi. L’altra, Hp Inc, sarà focalizzata su stampanti e computer e, al momento, è esclusa dai tagli. Gli esuberi si vanno ad aggiungere a quelli del 2012, quando l’azienda licenziò oltre 50mila persone. La separazione è prevista per novembre. Il gruppo non ha reso noto quando avverranno i licenziamenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ocse rivede all’insù Pil dell’Italia nel 2015, ma solo a +0,7%. Giù stime per il 2016

next
Articolo Successivo

Nivea, Tribunale di Milano annulla marchio concorrente Neve: “Confonde consumatori”

next