I carabinieri del Nas hanno scoperto un alloggio per anziani abusivo ad Avigliana, nella bassa Val di Susa. Stipati in due appartamenti, gli uomini dell’Arma hanno trovato 25 persone, tutte sopra gli 80 anni che formalmente risultavano in affitto. Gli anziani pagavano l’assistenza fornita a una ditta individuale, intestata a una donna di 53 anni che si affidava ad un cuoco tuttofare e all’aiuto di alcuni collaboratori, nella totale assenza di personale sanitario qualificato. Era anche stata allestita una camera ardente nel garage per il decesso di un’anziana avvenuto la sera di martedì, per cause naturali. 

I militari del Nas sono intervenuti oggi con un decreto di perquisizione firmato dalla procura torinese perché si riteneva non fossero rispettati i parametri assistenziali minimi. In collaborazione con l’Asl di zona, 12 anziani non autosufficienti sono stati spostati in altre strutture, perché hanno bisogno di assistenza continua. Saranno portati in case di riposo o presso le loro famiglie. Riguardo alla signora deceduta, una donna di 87 anni malata di Alzheimer, morta su un divano nella cucina di uno degli appartamenti, la posizione della titolare della ditta di servizi di assistenza è al momento al vaglio.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rimini, turista 19enne tedesca denuncia violenza in spiaggia: terzo caso in 3 giorni. Questura organizza task force

next
Articolo Successivo

Comunione e Liberazione, il primo meeting dopo le critiche (e la freddezza) del Papa

next