“Tutti i lavoratori possano trascorrere la giornata festiva con i loro familiari”. Il vescovo Gianfranco Todisco, ha chiesto con una lettera all’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, che fermi la produzione nello stabilimento di Melfi dalle 22 di sabato alle 22 di domenica.

Nell’azienda si lavora parte della domenica in virtù di un accordo con i sindacati firmato dopo la ristrutturazione delle linee che producevano la Punto e l’avvio della produzione di Jeep Renegade e 500X. “Consegnare un’automobile con un giorno di ritardo”, ha scritto il vescovo, “non sconvolge il piano di produzione, che in questo momento va a gonfie vele” e tenendo gli operai a casa la domenica, l’auto prodotta a Melfi avrebbe “un valore aggiunto, la dignità della persona umana al primo posto”. La sua richiesta, ha specificato che “non fa alcun riferimento alle motivazioni di fede. Anche chi non crede o non pratica può sperimentare gli effetti benefici del riposo domenicale”. Monsignor Todisco ha infine spiegato che si tratterebbe di un “miracolo senza intervento divino”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calo ammortizzatori sociali, Renzi: “Italia riparte”. Ma aumentano i disoccupati

prev
Articolo Successivo

Caporalato, tre giorni di lotta contro l’annullamento della dignità

next