Sir Elton John vs Luigi Brugnaro. Quella che sembra la trama di un racconto piuttosto inverosimile è in realtà il riassunto di un attacco che il Baronetto ha sferrato al sindaco di Venezia, dal suo profilo Instagram: Elton John ha espresso “l’allarme e la frustrazione” per il provvedimento di Brugnaro “che causa discriminazioni” all’interno della società.

A quale provvedimento si riferisce? La rockstar parla di quanto affermato qualche giorno fa dal sindaco di Venezia, ovvero l’intenzione di bandire dalle scuole un totale di 49 libri (ridottisi alla fine a 2) che hanno come protagonisti coppie dello stesso sesso, rispettando una delle sue promesse elettorali.


Sir Elton ha condiviso sul popolare social network la copertina di uno dei libri finiti nella ‘lista nera’ di Brugnaro, a capo di una giunta di centrodestra e attualmente in vacanza con la famiglia all’estero. La cover scelta è quella di ‘The family book‘ di Todd Parr e la didascalia aggiunta dal cantautore non lascia spazio a dubbi: “Questo è uno dei libri di storie preferiti della famiglia Furnish-John e racconta di un mondo totalmente inclusivo in cui le famiglie sono di tutte le forme, dimensioni e colori. E, soprattutto, le famiglie sono una questione d’amore. I nostri figli lo adorano. Dalla parte opposta – commenta la star – abbiamo Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia che appare estremamente sciocco. Ha stupidamente scelto di politicizzare libri per bambini, vietando titoli di libri che raccontano di famiglie omosessuali che vivono felici e contente. “Così – prosegue – , invece di favorire un mondo basato sull’inclusione, la tolleranza e l’amore, sostiene una società futura che è discriminante e favorisce l’ignoranza. La meravigliosa Venezia sta senza dubbio affondando, ma non tanto rapidamente quanto il cafone bigotto Brugnaro”.

Non manca, infine, un’osservazione su Venezia che, scrive il cantante, “sta indubbiamente affondando, ma non tanto rapidamente quanto il bifolco e bigotto Brugnaro”.

 

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luigi Brugnaro, sul suo profilo Twitter l’immagine del manifesto di Mika. La rete lo attacca, lui si difende: “Pura solidarietà”

next
Articolo Successivo

Aurora Ramazzotti, su Instagram la risposta alle critiche. E anche Tomaso Trussardi si ‘schiera’ con lei

next