Wind e 3Italia dopo anni di indiscrezioni hanno deciso di andare a nozze. Dall’operazione nascerà una nuova società di telecomunicazioni italiana controllata pariteticamente dai due sposi che sarà guidata dall’attuale ad di Wind Maximo Ibarra. La joint venture, quindi, sarà in buona parte russo-cinese visti i principali azionisti: Wind telecomunicazioni fa capo a VimpelCom che ha tra i principali azionisti Alpha group, di proprietà del miliardario russo Mikhail Fridman, 3Italia è invece controllata dalla multinazionale Hutchison Wampoa di base a Hong Kong.

Ad annunciare l’operazione, una delle più importanti dal 2007, è stata VimpelCom. Grazie a oltre 31 milioni di clienti nella telefonia mobile e 2,8 milioni di clienti nella rete fissa (di cui 2,2 milioni solo per la banda larga), dalla fusione sono attesi risparmi per 700 milioni di euro e “significativi benefici Capex (investimenti in conto capitale, ndr) e Opex (spese operative, ndr) con un valore attuale netto, al netto dei costi di integrazione, di oltre 5 miliardi di euro“.  La nuova società, recita la nota che ha annunciato l’operazione, “otterrà la dimensione giusta e una riduzione dei costi necessaria per continuare ad offrire, a prezzi competitivi, servizi di telecomunicazione innovativi e potrà competere in modo più aggressivo sul mercato italiano”, è stato il commento a caldo. Il cda sarà composto da sei consiglieri, tre di nomina Hutchison e tre Vimpelcom, il presidente del consiglio di amministrazione ruoterà tra le due società madri ogni 18 mesi e avrà un voto decisivo su alcune questioni fondamentali di business.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telecom-Mediaset, accordo nella pay tv: “Premium online sulle reti Tim”

next
Articolo Successivo

Alitalia, dalla Ue 1,4 milioni per ricollocare 184 ex dipendenti licenziati

next