Tra i due non corre buon sangue, si sa. Si sono punzecchiati per tutto il Tour con frecciatine, accuse e parole dette a mezza bocca. Ma prima dell’ultimo atto della Grande Boucle è arrivata la pace. O almeno la tregua. Il campione uscente Vincenzo Nibali e il neo re di Francia in pectore Chris Froome si sono stretti la mano. Il gesto è avvenuto lontano da telecamere e flash. Ma c’è stato. E’ andato in scena nell’albergo dell’Alpe d’Huez, nel giorno della ventesima tappa. Quella che ha sancito il trionfo del britannico e l’esclusione dal podio dello Squalo dello Stretto.

Lapice della tensione tra i due campioni è stato toccato dopo la gara a la Toussuire dove Nibali ha trionfato. Scorrettamente, secondo Froome che ha avuto un problema meccanico mentre Nibali lo staccava. A fine corsa, il britannico lo ha insultato dimenticando che fece lo stesso in Olanda, quando il siciliano rimase coinvolto in una caduta.

“Se ha avuto un incidente meccanico, è un suo problema. Prima di giudicare, bisognerebbe riflettere, fare ragionare il cervello. Ho preferito non ribattergli. Non mi sembra abbiano usato nei miei confronti alcuna cortesia. E’ il ciclismo”, ha spiegato Nibali dopo il litigio. Acqua passata ormai. Almeno sembra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tour de France 2015, polizia spara ad auto che sfonda transenne. “Non è terrorismo”

next
Articolo Successivo

Tour de France 2015: a Parigi la passerella di Froome e i rimpianti di Quintana

next