Poveri e ricchi divisi, ora, anche dall’inflazione. Le famiglie italiane meno abbienti, nel secondo trimestre del 2015, hanno visto calare i prezzi dei beni e servizi che acquistano. Mentre le più facoltose li hanno visti salire. Una tendenza nuova, perché negli ultimi dieci anni l’aumento dei prezzi ha danneggiato di più chi ha redditi più bassi. Ad attestarlo è l’Istat, che rileva come per i nuclei con minore spesa mensile l’indice dell’andamento dei prezzi sia calato dello 0,2% sullo stesso periodo del 2014, mentre per quelli che spendono di più è aumentato dello 0,3%. La media è stata invece dello 0,1%.

Il motivo di queste differenze? Le abitudini di consumo, legate a doppio filo al reddito disponibile. Chi ha meno spende quasi tutto il budget mensile per consumi di base, come il cibo e l’energia. E i prezzi di quest’ultima, in particolare, nel corso del trimestre sono calati. Al contrario le famiglie ricche investono quasi metà delle proprie uscite in servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona e prodotti industriali. Categorie di beni che hanno registrato rincari.

Si tratta, come già detto, di una novità: tra 2005 e giugno 2015 i prezzi al consumo per le famiglie con i più bassi livelli di spesa sono aumentati del 21,6%, contro il 18,3% di quelli delle famiglie con maggiori possibilità. Il nuovo corso dipende sia dall’impoverimento dei nuclei meno abbienti sia dal fatto che il tasso di inflazione, nel frattempo, si è molto ridotto. La stessa Istat sottolinea infine che “la debolezza dell’inflazione nel primo semestre 2015, sia pure con intensità diverse, ha interessato tutti e cinque i gruppi” nei quali sono suddivise le famiglie italiane in base alla loro spesa complessiva. Nel secondo trimestre 2015, tuttavia, gli indici armonizzati dei prezzi al consumo mostrano, per tutti i gruppi di famiglie, segnali di “una lieve ripresa tendenziale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Unipol-FonSai, archiviata la posizione dell’ad di Mediobanca Nagel

prev
Articolo Successivo

Toshiba, “conti truccati per sette anni”. E tutti i top manager si dimettono

next