In arrivo due serate mozzafiato per la congiunzione più spettacolare dell’anno: Giove e Venere sono vicinissimi nel cielo e ben visibili anche a occhio nudo già dopo il tramonto. Da giorni spiccano nel cielo, sempre più vicini, e in queste ore raggiungeranno la distanza minima nella costellazione del Leone.

Lo spettacolo è assicurato”, osserva l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del progetto Virtual Telescope, che trasmetterà l’appuntamento in diretta streaming dalle 21 dell’1 luglio su www.ansa.it/scienza. “La congiunzione tra i due pianeti si compie tra oggi e domani – spiega Masi – e la distanza minima, inferiore al diametro della Luna piena, si avrà domani mattina alle 11.20, quindi Venere passerà oltre. Il momento ideale per osservare i due pianeti in tutto il loro splendore sarà verso le 21.30 di domani, da una postazione con l’orizzonte sgombro”. Ma saranno perfettamente visibili.

Nessuna paura di sbagliare: “Giove e Venere saranno come due luci, visibili a Ovest, piuttosto bassi”, assicura Paolo Volpini, dell’Unione astrofili italiani (Uai). “Con un piccolo telescopio – aggiunge – si potranno vedere anche i satelliti di Giove e la falce di Venere. Le congiunzioni non sono così rare, ma questa è particolare, perchè i pianeti sono vicinissimi”. A completare lo spettacolo c’è Saturno, ben visibile a Sud, mentre a Est sorge la luna quasi piena, che non disturba affatto lo spettacolo di Giove e Venere, che si trovano dalla parte opposta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nasa e SpaceX: “Lavoreremo per capire cosa è successo al razzo cargo Falcon 9”

next
Articolo Successivo

Alzheimer, “nelle foglie d’ulivo un potente antiossidante contro la malattia”

next