La Commissione europea ha annunciato un piano di investimenti da 13,1 miliardi di euro destinati a 276 progetti nel settore dei trasporti. L’Italia riceverà fondi dall’Unione europea della Connecting Europe Facility per realizzare 15 progetti, tra cui il Tav Torino-Lione e la galleria di base del Brennero. In tutto sono due miliardi, come spiega il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrioche si andranno ad aggiungere a quelli già stanziati dal governo Renzi per la tratta italiana. Il presidente del Consiglio ha commentato la notizia come “il segno della determinazione e del buon lavoro fatto. Significa – aggiunge Matteo Renzi – più investimenti europei, più posti di lavoro, più efficienza nei trasporti, maggiore scambio e movimento con il resto d’Europa”. L’Italia, secondo tecnici dell’esecutivo, è il terzo Stato per numero di finanziamenti ricevuti dopo Germania e Francia.

I nuovi stanziamenti decisi a Bruxelles, saranno destinati anche ad altri progetti come la Milano-Chiasso e il porto di Genova. Nessuna risorsa, invece, è stata erogata per il piano di costruzione del Terzo valico ligure Tortona-Novi Ligure-Genova.  Oltre al Brennero, per cui l’Italia ha due progetti, uno studio e poi i lavori per il tunnel di base (fino a circa 1,2 mld massimi da suddividere con l’Austria), e la Tav, per la realizzazione del tunnel di base del Moncenisio (fino a un massimo di 813 mln da suddividere con la Francia), vi è il potenziamento per la Milano-Chiasso (fino a 40mln), il collegamento ferroviario per Malpensa (fino a 2 mln), soluzioni ambientali per il porto di Genova (fino a 4,6 mln), studio per le autostrade del mare (Gainn4core, fino a 13 mln), miglioramento della navigabilità del Po (fino a 9,2 mln) e studio sui suoi sistemi di comunicazione (fino a 1,2 mln), rafforzamento del corridoio mediterraneo per le merci verso la Croazia (sino a 2,4 mln), implementazione del corridoio Rotterdam-Genova (fino a 13,6 mln), due progetti per la gestione dello spazio aereo (fino a circa 245 mln ma da suddividere con gli altri paesi Ue), studio per la creazione di una piattaforma europea per l’ottimizzazione dello scambio di informazioni per i trasporti stradali (fino a 7,4 mln da suddividere con gli altri paesi Ue), e infine il miglioramento del terminal per i container dell’interporto di Padova (fino a 3,4 mln).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi greca, Piazza Affari chiude a -5,17%. Gli acquisti Bce frenano lo spread

next
Articolo Successivo

Processo Fonsai, Paolo Ligresti si è costituito. Andrà agli arresti domiciliari

next