Ed è osservando
questa piccola bambina dagli occhi azzurri
addormentarsi lenta
semi sdraiata e saporita
sulla sua mamma
che ho capito
che le tette
non son’altro
che cuscini del paradiso
e che le mamme son letti morbidi
dalle lenzuola sempre fresche e profumate.

Deve averle inventate uno
– ho pensato –
che ama la pace
non Dio, dunque
e ho capito anche
che le donne
possono
– se solo lo desiderano –
essere il luogo più
riposante dell’universo.

Poi
mi sono assopito anche io
ti ho sognata
un brevissimo sogno
nel quale eri bella e sorridente
nel quale mi facevi delle carezze
su questa grande testa che mi ritrovo
nel quale mi dicevi
che anche se non sembra
sta davvero andando tutto bene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Videoritratti: Katia Nani e Barbara Saba, due attrici

prev
Articolo Successivo

‘La musa’ di Jonathan Galassi: cronache di quando ‘i libri erano libri’

next