Ed è osservando
questa piccola bambina dagli occhi azzurri
addormentarsi lenta
semi sdraiata e saporita
sulla sua mamma
che ho capito
che le tette
non son’altro
che cuscini del paradiso
e che le mamme son letti morbidi
dalle lenzuola sempre fresche e profumate.

Deve averle inventate uno
– ho pensato –
che ama la pace
non Dio, dunque
e ho capito anche
che le donne
possono
– se solo lo desiderano –
essere il luogo più
riposante dell’universo.

Poi
mi sono assopito anche io
ti ho sognata
un brevissimo sogno
nel quale eri bella e sorridente
nel quale mi facevi delle carezze
su questa grande testa che mi ritrovo
nel quale mi dicevi
che anche se non sembra
sta davvero andando tutto bene.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Videoritratti: Katia Nani e Barbara Saba, due attrici

next
Articolo Successivo

‘La musa’ di Jonathan Galassi: cronache di quando ‘i libri erano libri’

next