Lira e Borsa turca a picco dopo l’esito del voto nel Paese, a seguito del quale il partito islamico Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan ha perso la maggioranza assoluta in parlamento. Nelle prime ore dall’apertura delle contrattazioni, sui mercati la lira scende del 5% toccando il record negativo di 2,8020 sul dollaro. L’indice principale della borsa di Istanbul ha invece aperto con un tonfo dell’8,2%.

I risultati delle elezioni, in cui il partito curdo che per la prima volta si è presentato conquistando il 13% dei voti e superando così la soglia di sbarramento, generano incertezza sulla formazione di un governo di coalizione. La stessa prospettiva di nuove elezioni, nel caso in cui una nuova maggioranza parlamentare non venga individuata entro sei settimane, non garantisce stabilità. Uno scenario che genera volatilità sui mercati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Appunti dal mondo a km zero – ‘Broblem’ – Prima parte

next
Articolo Successivo

Elezioni Turchia: nonostante le bombe, vincono i curdi e la democrazia

next