Mormorii e fischi contro il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, dalla platea dell’assemblea annuale di Confcommercio, tenutasi a Rho. L’esponente del governo Renzi sin dall’incipit del suo discorso commette una piccola gaffe, chiamando “Carletto” Carluccio Sangalli, il presidente dell’associazione e della Camera di Commercio di Milano. Le contestazioni esplodono quando Guidi sciorina i risultati raggiunti dal governo nell’ultimo anno: “Mesi fa eravamo un po’ tutti timorosi nell’usare questa espressione, ma credo che ormai si possa dire: la recessione è alle spalle. E’ arrivato il momento della ripresa”. Il ministro, dopo alcune contestazioni, puntualizza: “Conosco benissimo i vostri sacrifici negli ultimi anni. E certamente questa vostra fatica e questi vostri sacrifici sono gli stessi che il governo ha messo negli ultimi mesi e che continuerà naturalmente a mettere anche per il futuro”. La Guidi non demorde e prosegue il suo invito all’ottimismo, senza sortire alcun effetto positivo. Le proteste e le interruzioni dei commercianti, infatti, si intensificano quando menziona l’Expo e i provvedimenti del governo Renzi: “La missione che ci siamo dati può sembrare quasi troppo semplice: far funzionare il Paese. E quindi abbiamo deciso di partire dalle fondamenta: la legge elettorale, la riforma del Senato, le riforme costituzionali, la riforma della pubblica amministrazione. La nostra è una filosofia semplice. E, parlando di fisco, gli 80 euri… gli 80 euro… il taglio dell’Irap”. Risate e urla fragorose dalla platea e la pazienza del ministro comincia a cedere: “Guardate, io penso che nessuna di queste misure possa essere considerata risolutiva. Ma gli 80 euro possono essere definiti una delle più grandi riduzioni… una delle più grandi restituzioni per i ceti medio bassi”. E aggiunge, moderando l’ottimismo inziale sui risultati del governo e sempre lottando col dissenso dalla platea: “Forse questi provvedimenti non saranno esaustivi e sufficienti, ma negli ultimi 12 mesi hanno consentito a molte imprese di intercettare questa flebile, ma comunque presente ripresa. Non abbiamo finito. Il nostro lavoro non è né semplice, né facile, né banale. Però, scusate, da qualche parte dovevamo pur partire”. E chiosa, stavolta applaudita: “Non so quanti di voi avrebbero scommesso che in soli 12 mesi il governo avrebbe potuto mettere in campo questa cassetta degli attrezzi” di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Playmobil, Horst Brandstatter morto a 81 anni. Nel ’74 creò la linea di modellini

prev
Articolo Successivo

Aumento dell’Iva annunciato per spingere i consumi?

next