Il premio Nobel John Nash, il matematico che ha ispirato il film A Beautiful Mind, è morto insieme alla moglie in un incidente in taxi mentre si trovava a Princeton , in New Jersey. Nash aveva 86 anni, mentre la moglie, Alicia, 82.

Come riporta il New York Times, il tassista ha perso il controllo del mezzo mentre stava sorpassando un’altra auto e ha colpito il guard rail e un altro veicolo. La coppia è finita fuori dal taxi. Secondo la polizia i due non avrebbero indossato le cinture di sicurezza, dal momento che entrambi sono finiti fuori dalla macchina. Il premio Nobel stava tornando a casa dall’aeroporto dopo essere tornato da un viaggio in Norvegia, dove gli era stato conferito il premio Abel, riconoscimento assegnato ogni anno dal re di Norvegia a un eminente matematico straniero.

Nash ha rivoluzionato l’economia con i suoi studi di matematica applicata alla teoria dei giochi, vincendo il Premio Nobel per l’economia nel 1994. Ha elaborato l'”Equilibrio di Nash“, conosciuto anche come equilibrio non cooperativo, è una condizione della teoria dei giochi che sussiste quando, date alcune strategie scelte da due concorrenti, nessuno dei due può migliorare la propria posizione adottando una strategia diversa.

Nash è divenuto famoso al grande pubblico anche per aver sofferto per lungo tempo di una grave forma di schizofrenia, ispirando la realizzazione del noto e pluripremiato film, anche con l’Oscar, diretto da Ron Howard e interpretato da Russel Crowe.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barack Obama, il suo account Twitter in balia degli haters: “Scimmia, torna nella gabbia”. Il New York Times: “Ostilità razziale”

next
Articolo Successivo

Sara Tommasi ci ripensa (VIDEO): “Sono innamorata di Andrea DiPré. Il nostro matrimonio si farà”

next