Roma, ore 23 in un pub a Trastevere, eccole, queste giovani studentesse americane, nella permanenza di studi in una delle loro colonie, belle robuste cantano anzi berciano nei loro slang ubriache, ragazzi che gli ronzano intorno e loro sembrano ignorarli mentre li lascian fare, nel volume della loro voce c’è tutta l’arroganza dei vincitori e tutta l’ignoranza di chi vive nel pieno di sé padrone.

La barista italiana mi dice che preferirebbe tornar commessa per aver sempre meno a che fare con gli umani, piuttosto che trovarsi in mezzo a queste papere starnazzanti, papere atomiche.

Certo mi cagassero… le udirei sirene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La forza inconsapevole del Sud e la prepotenza dei Nord

prev
Articolo Successivo

Don Andrea Gallo, il prete del porto di Genova

next