L’incendio è conclamato, le immagini in diretta non offrono dubbi, fumo ovunque, le foto su tutti i social raccontano la stessa storia, i telegiornali titolano: fuoco a Fiumicino, lo scalo è chiuso fino alle 14. Eppure Alitalia non sembra saperlo. Sul suo sito nessun avviso, il check in è aperto, le indicazioni regalano un’immagine di normalità assoluta, serenità. IMG_0422Stessa sorte sul sito di Adr, giusto un paio di cancellazioni, ma niente di più. IMG_0420Il call center della compagnia di bandiera è inaccessibile, sembra la sede del Ctu in 24 durante un attacco terroristico: due ore di attesa, soldi spesi (64 centesimi al minuto), una splendida musica di sottofondo, il concetto di “linee momentaneamente occupate” ripetuto all’infinito. Concetto beffardo. Informazione zero. E così per ore, non minuti, nell’epoca della (presunta) efficienza informatica, le apparenze si salvano, non la sostanza; le emergenze non si affrontano con un numero di telefono specifico, meglio affidarsi a pazienza e buona sorte. Fino a quando un operatore risponde, manifesta la sua resa, e spiega: “Purtroppo la situazione è complicata. Anche a noi sui terminali risulta il volo aperto nonostante sappiamo dello stop. Assurdo”. Strano…

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xylella, notificato a Commissione Europea un caso isolato in Liguria

next
Articolo Successivo

Incendio Fiumicino (FOTO e VIDEO), venerdì a terra il 50% dei voli. “L’origine in un vano dietro il frigo di un bar”

next