1, 2, 3, via.

L’Expo è ormai ufficialmente partita e le polemiche – ancora fumanti – su Mc Donald’s e Coca Cola in veste di sponsor della manifestazione, devono lasciare spazio al cibo, quello vero. I 20 milioni di visitatori – forse più, forse meno – avranno modo di fare un viaggio intorno al mondo per degustare cibi e sapori sconosciuti ai più.

Frutta, verdura e cerali di tutto il mondo saranno presentati in infinite varietà mentre il vino ci lascerà sicuramente senza parole. Qualcuno scoprirà il topinambur, una sorta di tubero a metà tra patata e carciofo e molto amato dagli chef, qualcun altro proverà la quinoa, direttamente dalle Ande e vera manna dal cielo per i celiaci, mentre altri ancora scopriranno la manioca e la tapioca dal SudAmerica.

Da Africa e Medio Oriente arriveranno gli affascinanti profumi del cous cous, dell’hummus, dello shawarma e dello zighinì fatto con il berberè, un misto di spezie simile al curry. Le Seychelles  presenteranno il loro piatto nazionale: il pipistrello. Non male, provatelo.

L’India e il lontano Oriente proveranno a stupire i palati con l’uso delle spezie, dei germogli e le mille varianti di the mentre il sud est asiatico probabilmente offrirà in degustazione insetti cucinati in mille modi. La Corea del Sud proporrà il tipico kimchi, piatto a base di cavolo piccante e spezie, oppure la zuppa Sundubu.

Il Giappone speriamo ci ammali con i suoi bento, la cucina kaiseki , il seitan e con la carne di Kobe…vera delizia per gli amanti del genere.

Dalla terre dei Kanak nella lontana Nuova Caledonia, si potrà gustare il taro e l’ignam, due tuberi molto nutrienti che rappresentano la storia e la tradizione di un intero popolo che intorno a questi alimenti celebrano vere e proprie feste, stile sagra nostrana ma molto più spirituale…

Dalle Fiji a Samoa, dalla Polinesia a Tonga, dalle Isole Salomone alle isole del Pacifico in generale, arriveranno i frutti dell’albero del pane e il kava, una bevanda antichissima estratta dalla radice essiccata e ridotta in polvere della Piper Methysticum. Oltreché come pianta medicinale, la si usa nelle cerimonie sacre e funziona come un antidepressivo naturale, con effetti rilassanti ed estremamente positivi per il corpo intero. Viene masticata oppure mescolata fino ad ottenere una bevanda scura e molto densa che si beve, come da tradizione, da una ciotola comune che viene passata ad ogni convitato secondo un rituale stabilito.

Dall’Australia arriveranno carne di canguro, squalo e coccodrillo cucinate prevalentemente alla griglia e accompagnate da una vasta selezione di vini.

In tanti potranno scoprire, per la prima volta, piatti tipici come il goulash da Ungheria e Austria. La Francia dalla sua, non si presenterà certo senza champagne, formaggi e foie gras, con la Spagna che risponderà con le immancabili tapas, il gazpacho e la straordinaria paella.

Il Brasile, dopo piatti a base di feijoada e churrasco, offrirà bacche di acai e guaranà, mentre l’Argentina sfiderà il vicino Uruguay a base di carni asade condite con il chimichurri. Chissà se gli Stati Uniti punteranno sui tanto vituperati hamburger e l’hot dog… il Centro America, invece, metterà alla prova le nostre papille gustative con i sapori forti di tacos, burritos, nachos, chili e con l’immancabile e piccantissimo jalapeno.

E in Italia? Ci vorrebbe un elenco telefonico per raccontare tutti i prodotti nostrani, le eccellenze e le sigle di riferimento: IGT, IGP, DOC, DOCG…senza dimenticare i presidi Slow Food, i salumi come il Culatello di Zibello o il Prosciutto di Parma e gli immancabili Parmigiano Reggiano, Grana Padano e Mozzarella o la grande produzione vinicola. Nella speranza, almeno stavolta, di contrastare l’italian sounding

Sembra, però, che pizza e pasta restino in testa come piatti simbolo del nostro Paese, sempreché  non arrivi un’altra pubblicità a mettere in discussione pure gli spaghetti, magari di fronte a un kebab.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Expo, lite Maroni-Alfano. “Avrei fatto diversamente”, “Facesti devastare Roma”

next
Articolo Successivo

No Expo Milano, Maroni: “La Regione Lombardia farà causa ai centri sociali”

next