La Regione Lombardia si impegna a fare causa ai centri sociali, dopo le devastazioni dei black bloc in pieno centro a Milano nel giorno dell’inaugurazione dell’Expo. La promessa è del governatore Roberto Maroni che motiva così la sua decisione: “Quelli che hanno provocato i danni dovranno pagare a loro volta. Però non possiamo costringere i cittadini milanesi a fare causa ai centri sociali. Lo faremo noi, lo farà la Regione“. La stessa istituzione che, peraltro, ha stanziato un fondo di 1,5 milioni di euro per fare fronte ai danni provocati il 1 maggio, dove sono state incendiate almeno 50 auto e 30 vetrine mandate in frantumi.

Le parole di Maroni arrivano a margine dell’inaugurazione del padiglione Pianeta Lombardia nel sito di Expo, dove il presidente non risparmia  critiche al titolare del Viminale, Angelino Alfano: “Mi auguro – ha detto ancora – che non succeda più quello che è successo e che il ministero dell’Interno, la Prefettura in particolare, sappiano prevenire azioni vandaliche a cui abbiamo purtroppo dovuto assistere”.

E due giorni dalla manifestazione, è scontro a distanza tra Maroni e Alfano. Il governatore ha dichiarato che, se fosse stato al suo posto – dove di fatto è stato dal 2008 al 2011 – avrebbe “sospeso l’area Schengen 15 giorni fa per evitare gli arrivi di persone che vengono in manifestazione solo a spaccare le teste e le vetrine“. Non solo. Perché avrebbe “imposto una cauzione, una fideiussione come è stato fatto per la Lega a Roma e avrei evitato di fare entrare il corteo in centro. Avrei mandato i manifestanti in qualche campo di periferia sapendo che sono dei violenti”. “Suggerimenti” che Alfano non ha gradito, tanto da rispondere: Maroni “dà buoni consigli non potendo più dare il cattivo esempio”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Expo 2015, la grande abbuffata

next
Articolo Successivo

No Expo, Milano in piazza per ripulire città dopo i black bloc. Pisapia: “Siamo in 20mila per ribellarci a soprusi e violenze”

next