Beatrice Niccolai non è la nuova Alda Merini. Beatrice è Beatrice, e non è nuova, è antica come tutte le vere poetesse, è sempre esistita, è l’origine che si disvela. Nella poesia di Beatrice ci sono punture d’insetto, ruscelli celesti che dissetano l’ignoto, c’è la fragranza dell’inquietudine.

E ci sono gatti, bicchieri di vino rosso, bistecche alla brace, parole unte, ostie sconsacrate, letti arruffati, nella poesia di Beatrice c’è legna da ardere, ci sono boschi da depredare per fare l’amore e renderli ancora più verdi e ancora più oscuri.

Le sue parole sono funghi che si trovano solo tra i rovi, sono parole che fanno sanguinare e danno nutrimento, parole che restano sospese, e oscillano ai margini di un foglio bianco. Parole al vento, ma un vento che è radice e stupore.
La vita fra le parole. Niente altro che la vita. E che cosa si può chiedere di più a una poetessa?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Perché ci odiano?’ di Paolo Barnard: le ‘ragioni’ culturali dei terroristi

next
Articolo Successivo

I ‘Trionfi’ di Mantegna, tra attori comici e condottieri annoiati – I pittori dipinti

next