Proibire i Promessi sposi per legge. “Se così fosse, tornerebbe il fascino per un capolavoro assoluto”, dice il premier, che parlando agli studenti dell’Università Luiss di Roma riprende le parole di Umberto Eco.

Il semiologo infatti, in occasione della presentazione del suo libro La storia de i Promessi sposi raccontata da Umberto Eco, aveva detto che la lettura del romanzo, in quanto obbligatoria, è considerata noiosa dalla maggioranza degli italiani. E l’imposizione risulta essere sempre un peso. “Qualche adulto, vedendo che leggete questa storia – aveva detto Eco -, vi dirà di fermarvi perché è una gran pizza, noiosa e illegibile. Io me l’ero letta con lo stesso piacere con cui leggevo i miei romanzi d’avventure e vi assicuro che è appassionante”.

Renzi ha però sottolineato il contenuto pedagogico dell’opera: “Chi fa politica dovrebbe leggere tutte le mattine la pagina dell’Azzeccagarbugli con Renzo con l’obiettivo di fare il contrario. Le leggi sono fatte in modo tale che per ciascuno si apre la strada fantastica dell’interpretazione”.

LEGGI “RENZIE E LUCIA, I COSTRETTI SPOSI” – DI PIETRANGELO BUTTAFUOCO – CON ‘RENZO RENZIE’ E ‘SILVIA LUCIA’ COME PROTAGONISTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Erri De Luca ha un malore: Je suis Erri

next
Articolo Successivo

Expo 2015 e inchiesta Incalza: Anac valuta monitoraggio su Palazzo Italia

next